EstroTeatro - Via Venezia 1, 38122 Trento - Tel. 0461/235331 - P. IVA e C.F: 02308240221 / Privacy e Cookie Policy

4 e 5 novembre: le finali di Fantasio

23 novembre, ore 20.30

Teatro di Villazzano

Giancarlo Nicoletti

con Elisa Pistis, Elisa Salvini, Jacopo Costantini

La Locandiera // All you can hate & Dj Set                                                             Quanto la rilettura registica di un testo, abusato dalla maniera e dal becero “goldonismo” di repertorio, può centrarsi su un’idea compiuta di ri-appropriazione degli archetipi e del nucleo originario, piuttosto che su una trovata estetico/performativa? È possibile pensare una "dicibilità" della prosa settecentesca che riesca ancora a parlare ai contemporanei? Quanto è vero che la cifra socio-politica sia assente in Goldoni e che Mirandolina non possa essere l’innesto di Medea nella Signora delle camelie? E infine, a che deriva è giunta, nel capitalismo postmoderno, la borghesia fiera e operosa celebrata dall’autore? Su questi interrogativi abbiamo sviluppato il discorso, lucidamente, inesorabilmente, e con grande divertimento.

Felice Panico

con Maria Giuditta Vasile

 Mira’s Hotel – La Libertà è un Gran Tesoro                                               

Mi è toccato il monologo e dovendo trasformare “La Locandiera” in monologo ho sentito il bisogno di raccontare una Mirandolina indipendente, sensuale, bella e maledetta come le icone rock degli anni ’60 e ’70: Patti Smith, Janis Joplin, Marianne Faithfull, donne meravigliose e fiere che proprio come la Mirandolina che vedrete in Mira’s Hotel non cercavano compagni nobili e ricchi, ma si innamoravano dei poeti e dei musicisti: meglio se squattrinati, meglio se pure loro maledetti. La nostra Mirandolina conosce le loro canzoni, le canta nel suo albergo dove accoglie tutti gli uomini possibili, magari ci fa l’amore, ma appena finito gli lancia i vestiti addosso e ordina loro di andarsene. Perché lei non ha bisogno di nessuno. Perché la libertà è un gran tesoro.

Saverio Tavano

con Emilia Bonomi, Valeria La Bua

La prova                

Due attrici alle prese con la messa in scena della Locandiera si ritroveranno ad usare il testo di Goldoni come pretesto per esternare

il proprio conflitto amoroso.

Edward Wilson

con Gelsomina Bassetti, Giovanni Cordì, Thomas Rizzoli

Il rossetto sulle banane

È una performance di cui il regista non capisce proprio un c****.

24 novembre, ore 20.30

Teatro di Villazzano

Azadeh Ahmadian

con Eloisa Gatto, Giorgio Castagna, Dalila Toscanelli, Matilde Gosetti, Giacomo Postinghel

Irandolina                                         

Esiste un mondo in cui le donne non sono libere di esprimere le proprie idee, né di divertirsi. Lottano costantemente per i loro diritti. Gli uomini le governano sotto una maschera chiamata religione. I costumi dello spettacolo non sono casuali, ma rappresentano la situazione odierna di questo mondo: gli uomini potenti e ricchi indossano asciugamani bianchi senza cuciture durante il rito religioso “hagi”; mentre le donne sono obbligate, ogni giorno, a coprire il proprio corpo con il chador.

Federica Amatuccio

con Claudia Delli Noci, Simona Perrone, Federico Bava, Laurent Gjeci 

Numero zero

Era una casa molto carina

Senza soffitto,

senza cucina.

Non si poteva entrarcdi dentro

Perchè non c'era il pavimento

Non si poteva andare a letto

Perchè non c'era nemmeno il tetto

Non si poteva fare la pipì

Perchè non c'era vasino lì

Ma era bella,

bella davvero

In via dei matti numero zero.

Andrea Saitta

con Roberta Lionetti, Norman Quaglierini, Giuseppe Palasciano 

La Locandiera - Esprit de pomme de terre                                                 

Lo studio si concentra soprattutto su due aspetti: Il passaggio dalla commedia dell’arte al dramma borghese che Goldoni inizia con la Locandiera, quindi la profondità dei personaggi che non sono più legati all’improvvisazione e allo stereotipo delle maschere, ma iniziano ad avere una psicologia e un percorso emotivo, e la sfida di rappresentare il testo partendo dal corpo inserendo il mimo e il clown teatrale. La performance si sviluppa in una serie di scene, dal ritmo molto serrato e dalla linea comica che, con precisione matematica, rapisce lo spettatore portandolo all’interno di un mondo fatto di silenzi, sguardi e risate.

Alessandro Anil Biswas

con Lia Marchesini, Lorenzo Acquaviva, Salvatore Costa, Stefano Rossi

 

GoldotMachine

Perché riprendere Goldoni, oggi? Quali sono gli elementi concettuali e i giochi scenici che un testo di Goldoni ci permette di approfondire? Ad essere attuali sono le tematiche o lo è la sua struttura?

In quindici minuti.